Trasformare una camera singola in una matrimoniale, ricavare due cabine armadio e un bagno in più

Trasformare una camera singola in una matrimoniale, ricavare due cabine armadio e un bagno in più

icona progetto 2D

TIPOLOGIA

PROGETTO 2D

icona anno

ANNO

2018

icona mq

MQ

82

icona progetto 2D

TIPOLOGIA

PROGETTO 2D

icona anno

ANNO

2018

icona mq

MQ

82

Un’agenzia immobiliare, per venire in contro alle richieste di un possibile acquirente, ci ha chiesto di ipotizzare una riorganizzazione degli ambienti interni di un appartamento di 82 mq.


Bisogna premettere che nonostante le necessità dei clienti erano soddisfatte dalla metratura offerta dall’abitazione, la cattiva distribuzione degli spazi gli aveva fatto sorgere qualche dubbio. Mentre l’appartamento in 82 mq offriva una camera matrimoniale, una singola e un solo bagno, tra le richieste dei clienti c’era la necessità di un’abitazione che disponesse di due camere matrimoniali e due bagni.


La principale problematica dell’appartamento, era quella di avere ambienti molto ampi, come l’ingresso di 5,50 mq, il soggiorno di 26 mq o la camera matrimoniale di 17 mq, in contrapposizione con ambienti sacrificati – come la cucina di neanche 7 mq – o mal sfruttati – come il lungo corridoio, che separava la zona giorno dal reparto notte.


Il progetto proposto dall’architetto con qualche piccolo intervento di ristrutturazione ha completamente rivoluzionato la distribuzione interna degli spazi.


Con lo spostamento di una parete della cucina verso il bagno, l’ambiente è diventato più funzionale e vivibile. Grazie alla spalletta ricavata dalla traslazione del muro, infatti, è possibile incassare un capiente armadio a tutt’altezza, interrotto da una piccola penisola.


Con un minimo spostamento del muro di accesso alla zona notte, in allineamento alla nuova parete della cucina, è stato ampliato lo spazio occupato precedentemente dal corridoio. L’accesso alle camere, precedentemente rivolto verso l’ingresso, è stato chiuso e spostato sulla parete rivolta verso il soggiorno. In questo modo lo spazio precedentemente occupato dall’ingresso e dal disimpegno delle camere è stato ingrandito e sostituito da un nuovo bagno.


Il soggiorno non è stato soggetto a interventi di ristrutturazione, fatta eccezione per il nuovo accesso al disimpegno della zona notte, diviso da una porta scorrevole su binario esterno, la quale scherma con discrezione gli ambienti e arreda la parete dello spazio living.


Il reparto notte è stato dunque filtrato da un disimpegno, il quale, mentre in origine occupava oltre 7 mq, con il nuovo progetto è stato ridotto a meno di 2 mq, lasciando posto al bagno principale di 5,90 mq, che ospita una doccia con seduta in muratura di 80x186 cm, affiancato dai sanitari e da un mobile con doppio lavabo che si estende sulla parete per più di 2 m.


Riducendo la dimensione della camera matrimoniale sono state ricavate due cabine armadio, a servizio delle due camere, che consentono di avere una grande capacità di contenimento in poco spazio. Ad esempio, nel vano ricavato per l’ex camera singola di 1,50x1,90 m sarà possibile stivare una quantità pari a quella di un armadio tradizionale lungo 4,00 m. Grazie a questa soluzione nelle due stanze, in quanto libere da armadi, è possibile sistemare un letto matrimoniale.


Il bagno preesistente viene ridimensionato e diventa ad uso esclusivo della camera matrimoniale.


Un’agenzia immobiliare, per venire in contro alle richieste di un possibile acquirente, ci ha chiesto di ipotizzare una riorganizzazione degli ambienti interni di un appartamento di 82 mq.


Bisogna premettere che nonostante le necessità dei clienti erano soddisfatte dalla metratura offerta dall’abitazione, la cattiva distribuzione degli spazi gli aveva fatto sorgere qualche dubbio. Mentre l’appartamento in 82 mq offriva una camera matrimoniale, una singola e un solo bagno, tra le richieste dei clienti c’era la necessità di un’abitazione che disponesse di due camere matrimoniali e due bagni.


La principale problematica dell’appartamento, era quella di avere ambienti molto ampi, come l’ingresso di 5,50 mq, il soggiorno di 26 mq o la camera matrimoniale di 17 mq, in contrapposizione con ambienti sacrificati – come la cucina di neanche 7 mq – o mal sfruttati – come il lungo corridoio, che separava la zona giorno dal reparto notte.


Il progetto proposto dall’architetto con qualche piccolo intervento di ristrutturazione ha completamente rivoluzionato la distribuzione interna degli spazi.


Con lo spostamento di una parete della cucina verso il bagno, l’ambiente è diventato più funzionale e vivibile. Grazie alla spalletta ricavata dalla traslazione del muro, infatti, è possibile incassare un capiente armadio a tutt’altezza, interrotto da una piccola penisola.


Con un minimo spostamento del muro di accesso alla zona notte, in allineamento alla nuova parete della cucina, è stato ampliato lo spazio occupato precedentemente dal corridoio. L’accesso alle camere, precedentemente rivolto verso l’ingresso, è stato chiuso e spostato sulla parete rivolta verso il soggiorno. In questo modo lo spazio precedentemente occupato dall’ingresso e dal disimpegno delle camere è stato ingrandito e sostituito da un nuovo bagno.


Il soggiorno non è stato soggetto a interventi di ristrutturazione, fatta eccezione per il nuovo accesso al disimpegno della zona notte, diviso da una porta scorrevole su binario esterno, la quale scherma con discrezione gli ambienti e arreda la parete dello spazio living.


Il reparto notte è stato dunque filtrato da un disimpegno, il quale, mentre in origine occupava oltre 7 mq, con il nuovo progetto è stato ridotto a meno di 2 mq, lasciando posto al bagno principale di 5,90 mq, che ospita una doccia con seduta in muratura di 80x186 cm, affiancato dai sanitari e da un mobile con doppio lavabo che si estende sulla parete per più di 2 m.


Riducendo la dimensione della camera matrimoniale sono state ricavate due cabine armadio, a servizio delle due camere, che consentono di avere una grande capacità di contenimento in poco spazio. Ad esempio, nel vano ricavato per l’ex camera singola di 1,50x1,90 m sarà possibile stivare una quantità pari a quella di un armadio tradizionale lungo 4,00 m. Grazie a questa soluzione nelle due stanze, in quanto libere da armadi, è possibile sistemare un letto matrimoniale.


Il bagno preesistente viene ridimensionato e diventa ad uso esclusivo della camera matrimoniale.


icona-parentesi

Per conoscere i dettagli su come realizzare il tuo progetto, consulta la pagina INFORMAZIONI e i MODULI SCARICABILI nel campo sottostante. Per ulteriori specifiche compila il MODULO INFORMAZIONI o inviaci una e-mail all'indirizzo info@progettaonline.it

icona-parentesi
icona-parentesi

Per conoscere i dettagli su come realizzare il tuo progetto, consulta la pagina INFORMAZIONI e i MODULI SCARICABILI nel campo sottostante. Per ulteriori specifiche compila il MODULO INFORMAZIONI o inviaci una e-mail all'indirizzo info@progettaonline.it

icona-parentesi